21/10/2021 Categoria: News

L'acquisto e la scelta delle finestre della propria abitazione rappresentano un investimento importante atto soprattutto a migliorare la qualità abitativa nel tempo. Per questo, quando si acquistano nuove finestre, è importante valutarne tutte le caratteristiche.

Per determinare la necessità di acquistare finestre con vetro doppio o triplo, è importante valutare l’ambiente dove verrà installato il nuovo serramento ed inoltre bisogna verificare quale tipo di esigenza abbiamo e quale tipo di intervento stiamo affrontando.

Il tipo di abitazione gioca un ruolo decisivo nel confronto tra le due soluzioni di vetratura. La tecnologia del triplo vetro negli infissi è da anni collaudata ed è la logica conseguenza dell’evoluzione del doppio vetro: ma non è detto che la posa di vetri tripli sia sempre e comunque la scelta ottimale e non solo per ragioni economiche.

Le due tecnologie puntano alla riduzione delle dispersioni attraverso l’incremento dell’effetto serra all’interno dell’abitazione: parte dei raggi infrarossi vengono infatti riflessi da vetri e pellicole basso emissive all’interno dell’ambiente impedendone l’uscita e garantendo un risparmio energetico. Questo processo è indubbiamente incrementato dai tripli vetri rispetto ai doppi.

Le finestre hanno però un altro compito fondamentale, quello di permettere ai raggi solari di entrare all’interno dell’edificio fornendo degli apporti termici completamente gratuiti. Questa funzione è limitata dal triplo vetro.

Non solo, anche i raggi luminosi vengono in parte riflessi e non riescono ad entrare all’interno, in questo modo si può cadere nel controsenso di avere case iper-isolate, ma con le luci interne sovente accese poiché particolarmente buie. Come comportarsi allora?


DOPPIO VETRO

Il vetro doppio è costituito da un vetro esterno semplice o stratificato, da un’intercapedine chiamata camera (e perciò detto anche “vetrocamera”) e da un vetro esterno.

Il doppio vetro altro non è quindi che un vetro su cui vengono installate due lastre accoppiate e distanziate. La canalina, utilizzata per distanziare le due lastre di vetro, è solitamente riempita con del gas, Kripton o Argon, necessari per l’assorbimento dell’umidità.


TRIPLO VETRO

Il vetro triplo ha le stesse caratteristiche di quello doppio ma oltre ad avere un vetro ed una camera in più ha subito un'ulteriore trattamento di bassa emissività. Senza dubbi l’isolamento termico (non quello acustico) risulta migliorato ulteriormente rispetto al vetro doppio.

Il triplo vetro si caratterizza per la presenza di tre lastre accoppiate e distanziate da due canaline.

Montando questa tipologia, è garantito un isolamento termico maggiore: è consigliato installarlo in zone in cui ci sono freddi particolarmente rigidi.

È di solito consigliato per ottenere prestazioni termiche difficilmente raggiungibili con la doppia lastra; grazie a lastre di nuova generazione è però oggi possibile raggiungere, anche con il doppio vetro, le stesse prestazioni delle finestre che montano il triplo vetro.

Dunque il numero di lastre installate non fa differenza; è importante il valore della prestazione, l’Ug che il vetro riesce a raggiungere e che deve essere il più basso possibile.