01/04/2022 Categoria: Casa

Per mantenere una certa armonia estetica nella propria abitazione bisogna abbinare elementi fondamentali come porte, finestre e pavimenti.

Prima ancora della mobilia, gli infissi, le porte e i pavimenti sono gli elementi fondamentali da scegliere quando si ristruttura una casa o se ne acquista una nuova. È necessario che essi siano abbinati tra loro per creare un senso di armonia e di equilibrio dal punto di vista estetico.

Tuttavia, un abbinamento di questo tipo potrebbe risultare difficile, specie se non si è molto pratici di design. Per questo motivo, potrebbe correre in nostro soccorso un designer d’interni, che ci aiuterà sulla base delle nostre preferenze. Se, invece, avete intenzione di procedere da soli, questo articolo fa al caso vostro e può chiarirvi un po’ le idee.

Abbinamento con pavimento e pareti

Innanzitutto, per ottenere un abbinamento che ci soddisfi e non ci stanchi col passare del tempo, bisogna entrare nell’ottica secondo cui le porte e gli infissi non sono accessori, ma veri e propri elementi di design. Dunque, come ogni altro tipo di arredo, va contestualizzato nello stile, nei colori e nei materiali dell’ambiente che li ospiterà.

Il primo aspetto da considerare quando si intende abbinare una porta al resto dell’ambiente è il materiale di cui è fatta. Esistono, infatti, varie tipologie di porte:

- porta a vetri, dallo stile moderno, che va accostata ad un pavimento dai toni neutri, o perlomeno non troppo forti. Questo tipo di porta, specie se scorrevole, è perfetta per rendere più sofisticati ambienti come il salone o la cucina;

- porta in legno, dallo stile classico, che è l’abbinamento perfetto per il parquet, ma anche per il marmo e il cotto, specie se le tonalità sono simili tra loro. Per chi predilige l’eleganza o intende donare un particolare aspetto rustico alla propria casa, questa è la scelta più adatta. Inoltre, nell’ultimo periodo il legno è tornato molto in voga grazie alla crescente attenzione per la natura anche nel contesto casalingo;

- porta laccata, simile alla porta a vetro, dona anch’essa un tocco di modernità all’ambiente, permettendoci di osare un po’. Questo perché si tratta di un elemento dall’importante impatto visivo, che può essere abbinato anche a pavimentazioni dai toni più scuri.

Tonalità in armonia o in contrasto?

Altro aspetto centrale è, come avrete potuto intuire, il colore. In linea di massima, pavimenti scuri vanno contrastati da porte dai toni chiari, al fine di evitare un effetto troppo cupo. Potete scegliere di rimanere sulla stessa tonalità nel caso opposto: un pavimento chiaro vuole una porta dai toni naturali, come il legno, il bianco, il grigio e così via.

Tuttavia, se il vostro scopo è ottenere un ambiente stravagante e il più personale possibile, nulla vi vieta di accostare colori accesi e in contrapposizione tra loro. Ad esempio, la camera di un bambino sarà sicuramente molto più vivace e colorata di una camera matrimoniale. L’importante è abbinare colori che vadano d’accordo, che stiano bene anche se apparentemente molto diversi, come la particolare unione tra giallo e fucsia. Sappiate, però, che è molto più difficile gestire pareti e pavimenti colorati piuttosto che dalle tinte neutre. Il consiglio generale è di non abbinare più di 3 colori diversi tra pavimento, pareti e arredamento.

Finestre

Nel caso delle finestre, l’aspetto principale durante la scelta è soprattutto il colore: gli infissi e le porte devono essere di colori uguali o differenti? Anche stavolta, la risposta dipende dai vostri gusti personali e dallo stile che preferite. Generalmente, vengono abbinate per risultare in armonia e non creare troppo distacco col resto dell’ambiente. Se, ad esempio, le vostre porte sono in legno, potete optare per infissi dello stesso materiale o di qualsiasi altro ma dal colore neutro, come il bianco panna.